Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura.  

          (Pier Paolo Pasolini)

Il Festival “Il Libro Possibile“, in programma a Polignano a Mare dal 5 all’8 luglio, é l’evento culturale più atteso dell’estate pugliese. In questa edizione del 2017,  all’interno del Festival, é stata riservata  una sezione ai più piccoli denominata “Il tempo per i bambini“. Libri dedicati all’infanzia e speciali Laboratori faranno innamorare della lettura anche i più piccini.

Un prato nel mare

Il Libro Possibile - Bambini

Si parte il 6 luglio con  “Un prato nel mare, laboratorio di immagini e colori che unisce gioco e creatività. Dalle 18.30 alle 20.00 all’interno del porticato dell’ex Biblioteca comunale di Polignano i piccoli prenderanno parte ad un’allegra e coloratissima animazione con creazioni artistiche realizzate a partire da materiali semplici e di grande impatto fantastico. Verranno così creati ogni giorno disegni su un tema diverso inerente al mare (consigliato per i bambini un abbigliamento comodo).

I Libri

Il libro racchiude tre racconti di bambini alle prese con la rielaborazione dei primi drammatici problemi affettivi, con le prime delusioni emotive alle quali far seguire l’immediato necessario riassetto esperienziale alla conquista della costruzione del sé.

Il primo racconto ha per protagonista Giacomino, un bimbo felice che, purtroppo, deve accettare la partenza, per motivi di lavoro, della mamma ed è aiutato prima da un’ape, poi da una tartaruga e da un granchietto, a continuare a vivere le proprie giornate superando quella grave difficoltà. Il racconto, nel percorso di esplorazione, porta il bambino a perdersi all’inseguimento di un mondo che è al di fuori del sé e che lo aiuterà a distrarsi e a sopportare adeguatamente il dolore. Le migliori parole che una mamma possa aver trovato per aiutare il proprio piccolo ad accettare la peggiore delle esperienze: la separazione.

Il secondo racconto ha per protagonisti Emma e Lorenzo, due amici indivisibili. Emma è infelice a causa della perdita del nonno, così Lorenzo, con l’aiuto di uno zio, fa conoscere alla sua amica il cacciatore di nuvole Nefelterio. I tre partono sulla mongolfiera dello strambo ricercatore, fino al cielo, oltre le nuvole, dove Emma, tra giochi e scoperte, potrà finalmente rincontrare il suo amato nonno e gioire: “ Allora era vero quello che dicevano i grandi, che il nonno la guardava da lassù…

Il terzo racconto narra dello smarrimento del riccio Nerino a causa di una brutta e tipica disavventura “da bosco”. Sarà temporaneamente ospitato dal suo amico leprotto e dalla sua mamma traendo da questa esperienza il grande insegnamento che “i genitori ci proteggono sempre da tutti i lupi di tutti i boschi del mondo, anche da lontano”.

Presentazione: giovedì 6 luglio ore 19,30 – Piazza Orologio

Libro 2

Il libro è, per i piccoli lettori, ma anche per chi li segue, adulti, genitori, insegnanti, una guida. Propone schemi, disegni e idee per costruire giocattoli utilizzando semplici materiali, anche riciclati. Oggetti comuni come palline di polistirolo, mestoli, scatole di scarpe, possono, come per magia, trasformarsi nei giocattoli più divertenti.

E’ un libretto di istruzioni di un divertente laboratorio che gli stessi bambini potranno ampliare sviluppando le loro idee per costruirsi i loro giocattoli, stimolando la loro creatività ed appagando il loro orgoglio per aver costruito qualcosa, così come si faceva un tempo.

Presentazione: venerdì 7 luglio ore 19,30 – Piazza Orologio

Libro 3

Il libro che ha anche il sottotitolo “Feliporter e la mini-mini piramide”, unisce la passione giornalistica dell’autrice, Felicita Scardaccione, a un altro suo specifico interesse: quello sull’Antico Egitto. La Felicottera è una reporter chiamata nell’Antico Egitto da un faraone, che però non è in carne ed ossa (cioè umano) ma si identifica con un simpatico topo. C’é poi Isotta la Paciotta , la fedele amica di Felicottera che l’accompagna sempre ed é simpatica e grassottella.
Probabilmente Felicita Scardaccione ha unito tre personaggi così diversi per abituare i lettori alla diversità e alla sua accettazione.

L’occasione del libro svolge un utile scopo didattico: vengono illustrati luoghi come la Valle dei Re e delle Regine, importante sito archeologico dove vennero rinvenute le sepolture di ben 63 faraoni. Ma ciò si unisce a elementi primari di giornalismo: Felicita Scardaccione ha spiegato ai piccoli ospiti in che cosa consiste uno “scoop“, mentre la pagina che traina il giornale è il cosiddetto “fatto del giorno“, quello cioè riassunto in copertina.

Presentazione: sabato 8 luglio, ore 19,30 – Piazza Orologio