Ritornerà sul mare
la dolcezza dei venti
a schiuder le acque chiare
nel verde delle correnti
                  …
(Arietta Settembrina – Alfonso Gatto)

Agriturismi gratuiti per tutti i bimbi

Dal 1° settembre al 1° ottobre, quasi 200 agriturismi di tutta Italia, selezionati tra i migliori e più adatti ai bambini, ospiteranno tutti i bimbi gratuitamente durante i weekend (da venerdì a domenica).
Si tratta dell’iniziativa “Il Mese dei Bambini” di Agriturismo.it che prevede il soggiorno gratuito per ogni bambino da 0 a 10 anni accompagnato da un adulto pagante, durante tutti i weekend di settembre. La ristorazione (se disponibile), sarà gratuita per il bambino accompagnato da un adulto pagante.
Mille occasioni di avventure a contatto con la natura, alla scoperta di piante, fiori, animali, la possibilità di correre a perdifiato senza alcun pericolo e ostacolo, le sorprese della vita di campagna, faranno la felicità dei più piccoli. E mentre i bambini si divertiranno, i genitori si potranno godere una vacanza in pieno relax, apprezzando cibi genuini all’insegna del gusto.

Per ulteriori informazioni e per conoscere l’elenco degli agriturismi che aderiscono all’iniziativa clicca qui.

Il Festival delle Mongolfiere

Il 2 e 3 settembre l’ippodromo Sant’Artemio di Villorba di Treviso ospiterà il Festival delle Mongolfiere. Gli enormi palloni coloreranno il cielo di Treviso in uno spettacolo ricco di tante emozioni. Il programma infatti prevede: intrattenimento all’interno della mongolfiera, esibizioni equestri, visita alle scuderie, musica, laboratori e tanto altro ancora.
Dopo il tramonto il cielo stellato si impreziosirà di tante lampadine colorate, saranno le mongolfiere illuminate a colmare lo spettacolo di magia a ritmo di musica.
Durante i giorni del Festival verrà allestito un laboratorio dedicato ai più piccoli per imparare a costruire e far volare gli aquiloni. I bambini coloreranno le vele, attaccheranno le asticciole di legno, le maniglie e le code per poi far innalzare al cielo la loro creazione
Inoltre, per tutti i bambini ci saranno i laboratori, seguiti da personale esperto, per costruire mongolfierine in 3D su cartoncino che potranno portare a casa come ricordo del Festival.
I “Laboratori a passo lento” consentiranno invece di raccontare storie e fare passeggiate all’interno dell’ippodromo dove gli asini accoglieranno i bambini nella loro casa proponendo un incontro basato sulla relazione che possiamo costruire con un altro essere vivente. Non solo spazzole e striglie ma anche mani, corpi, bocche piene di sorrisi.
L’esposizione di costruzioni fantastiche e i laboratori di LEGO, con oltre 30 kg di mattoncini a disposizione, permetteranno di dare sfogo alla propria creatività. Chi lo vorrà, potrà anche partecipare al concorso gratuito a premi, aperto a tutti: “Vola con la fantasia! Costruisci la tua macchina volante!”. Per ulteriori informazioni, consulta il sito www.festivaldellemongolfiere.it/ .

Raccontando sotto le stelle

Giunta alla X edizione, la rassegna di teatro per ragazzi “Raccontando sotto le stelle” di Trani, il 7 settembre, porterà in scena “Pulcinella”, un omaggio a Emanuele Luzzati, scenografo, animatore e illustratore italiano che ottenne due nomination all’Oscar per i suoi film d’animazione, realizzati con Giulio Gianini, “La gazza ladra” (1965) e appunto “Pulcinella” (1973).

Tarantella, tarantella
Tarantella di Pulcinella
Pulcinella era povero in canna
e viveva in una capanna…
«Senza fortuna e senza cervello»
dice la moglie di Pulcinella.
«Sono sfinita, non ce la faccio,
non è un marito, questo è un pagliaccio
già da tre dì siam senza mangiare
e mio marito si mette a ballare…»

(Emanuele Luzzati)

quale sarà la sorte di Pulcinella?

lo scoprirai giovedì 7 settembre al “Centro Jobel” di Trani, in via G. di Vittorio (Uscita ss. 16 bis “Trani centro” – vicinanze dello stadio comunale) – Ingresso ore 20.30; inizio ore 21.

Per informazioni: +39 0883 1955260, +39 347 3474958; 377 9751273.

Il Festival della Mente di Sarzana (SP) é il primo Festival europeo dedicato alla creatività e alla nascita delle idee. Secondo il Direttore Artistico Benedetta Marietti, l’obiettivo del Festival é quello di “raccogliere in una rete al tempo stesso reale, immaginaria e digitale tutti i contributi inediti e originali portati da scienziati, scrittori, artisti. E attraverso questa rete di parole, suoni, immagini, trasmettere il valore culturale dell’interdisciplinarietà, condividere l’emozione della conoscenza, tentare di interpretare la realtà di oggi e andare alla ricerca della bellezza che esiste nella matematica e nella filosofia, nel pensiero antico e nella psicologia, nel design e nella storia, nell’antropologia e nella letteratura, nella musica e nel teatro”.

Ed é proprio la “rete” a fare da filo conduttore di questa XIV edizione del Festival che vedrà 65 relatori italiani e internazionali impegnati nell’interpretare il concetto di rete, dalla rete intesa come insieme di relazioni umane al web, dalla rete della solidarietà alle reti neurali, dalla rete televisiva a quella calcistica.
All’interno del Festival, 22 eventi sono dedicati ai bambini e ragazzi; laboratori, workshop, spettacoli, letture animate e incontri stimoleranno la mente e la creatività dei più piccoli. Inoltre, durante i tre giorni del festival nella Casa della Salute sarà ospitata “creativaMente kids”, una mostra di opere e oggetti dedicati al mondo dei bambini e progettati da artisti, illustratori e designer del territorio.

Le ninnananne di tutto il mondo

Sabato 9 settembre, a Genova, presso il Chiostro di S.Agostino, alle ore 17,3o, si terrà un concerto dedicato alle ninnananne di tutto il mondo nell’ambito della ventiseiesima edizione del Festival Musicale del Mediterraneo. Il tema di questa edizione é la Musica apolide; un programma dedicato a quei suoni, strumenti primitivi (particolarmente amati dai bambini) e musiche senza definite connotazioni geografiche; sono le musiche provenienti da quelle terre senza precisi confini politici, come il deserto o come le terre modificate dalle guerre, sono le musiche che nascono dagli incontri, tra stili e strumenti diversi, tra persone di razze e culture lontane, sono quelle musiche che nascono dalla ricerca e sperimentazione, dalle visioni e dalle ispirazioni emotive, personali, ambientali, che potrebbero essere composte in qualsiasi luogo del mondo.
Un programma ricchissimo che comprende anche iniziative collaterali ed extra musicali, si protrarrà per tutto settembre in diverse location nel centro di Genova.

Per informazioni ed il programma completo, consulta il sito www.echoart.org

Tocatì – Festival Internazionale dei Giochi in strada

Tocati Verona 26 Sept 08 091

Il centro storico di Verona ospita anche quest’anno Tocatì, il Festival Internazionale dei Giochi in Strada, che si terrà dal 14 al 17 settembre e che, quest’anno, vedrà coinvolti ospiti provenienti dalle regioni europee. Lungo le vie di Verona si possono incontrare tante comunità ludiche provenienti dall’Italia e dal resto dell’Europa e il pubblico può osservare o provare a giocare con l’aiuto di esperti. Il gioco da puro divertimento si fa strumento di comunicazione e dello stare insieme, strumento di confronto, per capirsi accettando le differenze e le peculiarità di ciascuno, sviluppando quel senso di squadra che torna molto utile in tutti gli aspetti della vita. Il programma non prevede comunque solo giochi, ma anche mostre, incontri, convegni, seminari e laboratori e i bambini troveranno laboratori di gioco loro dedicati. Ai bambini più piccoli é stato riservato uno spazio dedicato in Piazza Nogara che si aggiunge a quello consueto in via Patuzzi. Per informazioni: www.tocati.it/

Festival Camogli

E’ una quattro giorni (dal 7 al 10 settembre), nel ricordo di Umberto Eco che partecipò all’ideazione della manifestazione e prevede la partecipazione di 130 ospiti: esperti di comunicazione, blogger, top manager, musicisti, linguisti, scrittori, direttori di giornali e tv, filosofi, social media editor, storici, economisti, architetti, latinisti, semiologi, artisti, scrittori, psicologi, scienziati, registi. Tutti insieme affronteranno il tema di questa IV edizione “le connessioni”. Il concetto dell’essere connessi travalica il senso tecnologico del nostro ipertecnologico secolo: le connessioni sono intimamente legate alla nostra natura umana e coinvolgono in modo profondo e strutturale le società, la storia, i sistemi economici e di governo, le nostre abitudini e il nostro pensiero. Sono temi strategici per cogliere la sfida di questa edizone del 2017 che é quella di meglio comprendere la società di oggi, i suoi percorsi effettuati e i traguardi che intende raggiungere. Incontri, dibattiti, ma anche spettacolo con cinema, musica e teatro, laboratori, escursioni, mostre.

Per bambini e ragazzi di diverse fasce d’età, in programma dieci laboratori che, in un contesto ludico, avvicinano le nuove generazioni alla storia, alle scienze e alla biodiversità, alle nuove tecnologie, alla robotica e al linguaggio di programmazione informatica.
Per i ragazzi dai 16 ai 19 anni e per le loro famiglie, il festival propone un workshop di orientamento al mondo universitario.